Agencia Prensa Rural
Mappa del sito
Suscríbete a servicioprensarural

UIAF ammette: illazioni su presunti "fondi neri" delle FARC sono prive di fondamento
 

L’Associazione "Nuova Colombia" si propone di:
a) appoggiare e sostenere la lotta del popolo colombiano, delle organizzazioni politiche che si battono per la trasformazione in senso democratico del paese, e delle organizzazioni popolari di tipo sindacale, cooperativo e sociale;
b) promuovere campagne di informazione sulle vicende della Colombia, con particolare riferimento alla vita dei contadini, dei lavoratori e delle popolazioni indigene;
c) promuovere campagne di informazione e mobilitazione per la difesa dei diritti umani, dei diritti politico-sociali e delle libertà da ingerenze straniere dirette e indirette;
d) costruire momenti concreti di cooperazione e solidarietà con forze ed organizzazioni popolari impegnate nella lotta in difesa dei diritti sindacali, politici e umani, e per la trasformazione dei rapporti sociali ed economici nel paese.

Temas relacionados
Luis Edmundo Suárez, ex direttore dell’Unità di Informazione di Analisi Finanziaria

La rivista "The Economist" ha pubblicato un articolo nel quale si afferma che l’organizzazione insorgente delle FARC disporrebbe di "fondi neri" pari a 10.550 milioni dollari.

Diversi media colombiani e internazionali hanno rilanciato questa informazione, generando un’ondata di indignazione in tutto il paese. Occorre segnalare che la fonte dell’Economist è Luis Edmundo Suárez, ex direttore dell’Unità di Informazione di Analisi Finanziaria (UIAF), ente che ha tuttavia ammesso candidamente che su questo tema "non esiste uno studio valido", aggiungendo che "non sono stati raggiunti risultati che permettano di fornire cifre degne di fiducia data la mancanza di informazioni, la poca affidabilità delle fonti e l’inconsistenza dei dati".

Lo stesso tendenzioso termine "fondi neri", volto a colorare di tinte fosche la vicenda insinuando un contesto di corruzione, risulta piuttosto ridicolo, visto che stiamo parlando di un’organizzazione rivoluzionaria che opera in clandestinità: ci si aspetta forse che le risorse economiche di tale organizzazione possano essere gestite da un Consiglio di Amministrazione legale, magari - onde evitare l’accusa di gestire "fondi neri"- pagando le tasse ad uno Stato che utilizza tale denaro proprio, in larga misura, in chiave controinsorgente?

La verità è che per i nemici della pace ogni occasione è buona per gettare fumo negli occhi dell’opinione pubblica montando artificialmente (e in modo per altro piuttosto pasticcione) scandali su questioni inesistenti.